Il ponte, autorizzato dal sindaco di Londra a dicembre scorso, sta suscitando svariate critiche, in primo luogo per i costi non solo di costruzione, ma anche di manutenzione, che ricadrebbero in misura forse più larga di quanto originariamente previsto sui privati cittadini.