Le trattative per la Brexit sono appena cominciate e Theresa May ha voluto assicurare che il governo britannico non costringerá nessun cittadino europeo ad andarsene dal Regno Unito se avrá maturato cinque anni di residenza continuativa sul territorio ad una "certa data" non ancora stabilita, ma che non sará prima del 29 marzo 2017 o dopo l'uscita effettiva dall'UE. 

Ha inoltre informato che verranno concessi "due anni di grazia" per raggiungere i cinque anni necessari per la richiesta. I cittadini europei potranno fare domanda per ottenere lo status di "settled in the UK", in base al quale potranno godere degli stessi diritti dei cittadini britannici in materia di lavoro, sanitá e pensione e  potranno portare nel paese  i propri familiari. 

E' stato confermato che i cittadini europei condannati per reati minori potrebbero essere deportati e sará escluso il diritto di voto per le elezioni politiche (per il quale si dovra' richiedere, come ora, la cittadinanza inglese). Lo status di "settled" diverrá obbligatorio per tutti i cittadini che intenderanno stabilirsi definitivamente nel Regno Unito.